Spedizione gratuita per ordini superiori a €59
Costo spedizione Italia €8.80

Donne e ricerca della maternità

Aspettando la gravidanza

Si stima che circa 2 gravidanze su 3 siano intenzionali, ovvero attese e cercate. La consapevolezza del possibile arrivo di una gravidanza dovrebbe innescare nella donna una serie di accorgimenti volti a tutelare la salute del nascituro già prima che la gravidanza sia in corso perché gli ovociti possono accumulare danni tossici e poi trasmetterli al futuro embrione. È una questione di responsabilità.

Le donne che ricercano una gravidanza dovrebbero astenersi da subito dal fumo e dal consumo di alcolici, limitare al minimo indispensabile l’assunzione di farmaci ed evitare con ancora maggiore attenzione l’esposizione ai tossici alimentari ed industriali. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)  fornisce in proposito utili e chiari consigli che conviene consultare, vedi “WHO – Preconception care“.

Tra le primissime e più importanti indicazioni dell’OMS c’è la necessità di assumere supplementi di acido folico nella misura di 400 microgrammi al giorno con l’obiettivo specifico di prevenire l’insorgenza di difetti del tubo neurale, primo tra tutti la spina bifida. Dati recenti provano l’efficacia anche nella prevenzione delle sindromi autistiche. Il supplemento giova allo stato di salute generale, non da alcuna intolleranza, costa pochi euro al mese e può evitare gravi patologie a vostro figlio. Va preso senza esitazioni, sempre.

Purtroppo, la supplementazione con acido folico non previene tutte le spine bifide ed i casi di autismo. Il motivo più probabile è che alcune forme siano indipendenti dall’acido folico. Inoltre, la via metabolica dei folati (il ciclo del carbonio) necessita anche di altre sostanze (soprattutto vitamine B) ed é ragionevole pensare che una supplementazione più ampia conferisca una protezione maggiore. Infine, esiste un forte sospetto che donne e uomini portatori di una variante patologica dell’enzima MTHFR (nell’area mediterranea gli eterozigoti arrivano quasi al 50% della popolazione) non si giovino a pieno del supplemento di folati ed abbiano un maggiore rischio di concepire figli affetti.

Impryl è stato formulato appositamente per fornire tutto quanto è possibile per completare questa copertura nella speranza di ridurre ulteriormente la comparsa di problemi nei futuri bambini. Infatti la formula include veramente tutte le sostanze necessarie al ciclo del carbonio e compensa i difetti enzimatici più frequenti. Il supporto pre-concezionale, va esteso anche al partner maschile.

Quando la gravidanza non arriva

La mancanza di una gravidanza dopo un lungo periodo di rapporti completi non protetti configura una problematica di ipofertilità di coppia. Da un punto di vista statistico le probabilità che il problema sia maschile o femminile sono sostanzialmente uguali ed in quasi la metà dei casi coesistono entrambi. Ciò nonostante viviamo ancora un’epoca di frequente accanimento diagnostico e terapeutico sul versante femminile, in parte frutto di retaggi culturali, mentre un problema maschile viene talvolta considerato come estrema ratio. Quindi, la prima cosa che una donna incapace di ottenere gravidanze deve fare è convincere il proprio medico ed il proprio partner ad affrontare da subito anche l’altro versante del problema.

Sul versante femminle il medico provvederà a verificare se la paziente ovula regolarmente, se se ci sono problemi endocrini o annessiali, eventualmente eseguirà indagini cromosomiche e/o genetiche. Queste indagini potranno evidenziare un problema correggibile chirurgicamente o con una terapia medica. In altri casi si potrà evidenziare una condizione concomitante che ha un effetto negativo sulla fertilità, tipici esempi sono la sindrome dell’ovaio policistico e l’endometriosi. Anche se queste condizioni non sono sempre “guaribili” la conoscenza del problema orienterà verso le strategie di trattamento più opportune.

Quando l’ovulazione è alterata

Una parziale irregolarità ovulatoria ed occasionali anovulazioni sono un fenomeno quasi normale e non implicano necessariamente una ridotta fertilità. Il medico potrà agevolmente capire l’entità del problema monitorando alcuni cicli con l’ausilio di verifiche ormonali e/o ecografiche. Nelle donne di età superiore ai 35 anni ed in tutti i casi sospetti sarà opportuno stimare con maggiore cura l’età riproduttiva attraverso la conta dei follicoli antrali e/o il dosaggio dell’ormone anti-mulleriano(AMH).

Le irregolarità del ciclo tendono fisiologicamente ad aumentare con l’avanzare dell’età riproduttiva e possono essere un campanello di allarme che consiglia una certa fretta. Di contro le stesse sono frequenti anche in donne molto giovani, spesso all’interno di una sindrome dell’ovaio policistico. La maggior parte di queste situazioni sono migliorabili con l’ausilio di terapie mediche. Le integrazioni nutrizionali con effetto antiossidante, vedi Impryl, possono efficacemente contribuire e talvolta sono decisive. Le donne che soffrono di gravi disturbi dell’ovulazione o di mancanza di ovuazione possono invece necessitare un percorso diagnostico e terapeutico più articolato e devono talvolta ricorrere a tecniche di PMA.

Quando si assumono antiossidanti

Questo è il motivo per il quale, anche in assenza di problematiche note, un supporto antiossidante allo sviluppo dell’ovocita, che dura circa 3 mesi, è sempre consigliabile. Bisognerà però tassativamente evitare interventi aggressivi con sostanze dotate di attività farmacologica. I cosiddetti antiossidanti diretti come ad es. vitamine C, E ed A, coenzima Q, selenio e simili, soprattuto se ad alte dosi, compromettono l’equilibrio ossido-riduttivo cellulare e rischiano di causare problemi opposti e potenzialmente più gravi.

Tutte le cellule, e prime tra tutte i gameti, hanno bisogno di un equilibrio ossido-riduttivo perfettamente bilanciato che può essere ottenuto solo attraverso una normalizzazione dell’attività cellulare. Mentre una dieta equilibrata fornisce tutte le sostanze che collaborano all’equilibrio cellulare (molte centinaia) in quantità e combinazioni selezionate dall’evoluzione, l’assunzione di sostanze antiossidanti in forma di integratori, peggio ancora se ad alta attività, serve soltanto a stressare in senso riduttivo le specifiche reazioni chimiche nelle quali ciascuna di queste sostanze interviene. Questo vuol dire bloccarle per il motivo opposto. Non esistono rimedi magici né sostanze speciali che correggono tutte le alterazioni biochimiche.

Un efficace supporto all’equilibrio ossidoriduttivo cellulare può invece essere ottenuto fornendo alla cellula, anziché antiossidanti pre-formati, le sostanze delle quali la stessa cellula ha bisogno per produrre i suoi antiossidanti quando e dove serve, nelle quantità giuste e fino a quando sono necessarie.

Impryl è appunto basato sul principio del supporto antiossidante indiretto, ovvero puro intervento nutrizionale a sostegno di un efficiente metabolismo, e può garantire la massima efficienza antiossidante in assenza di fenomeni di scompenso opposto.

test genetico pre-impianto

Quando si ricorre alla PMA

I trattamenti medici e chirurgici possono non essere in grado di ripristinare una fetilità per via naturale ed imporre il ricorso a pratiche di procreazione medicalmente assistita (PMA). A seconda dei casi lo specialista si orienterà su tecniche di primo livello come la Inseminazione Intra Uterina (IUI) o verso le più complesse fecondazioni in vitro come la Fecondazione In Vitro con Trasferimento dell’Embrione (FIVET) e l’Iniezione Intra Citoplasmatica dello Spermatozoo (ICSI).

IUI

Da un punto di vista strettamente clinico la procedura IUI è indicata per le coppie nelle quali la partner femminile ha una buona capacità ovulatoria ed il partner maschile ha spermatozoi di buona qualità. La tecnica IUI non è in grado di rimediare a difetti sel seme maschile e non andrebbe offerta in presenza di ua ipofertilità maschile, a meno che la stessa non venga adeguatamente trattata. È invece possibie rimediare parzialmente a difetti ovulatori facendo precedere l’inseminazione da una stimolazione femminile con ormone FSH in modo da guidare l’ovulazione. Se vengono usate dosi più alte di FSH la donna produrrà più di un ovocita e questo può aumentare le probabilità che almeno uno venga fecondato. I cicli IUI stimolati, vantaggiosi sul piano dell’efficacia, presentano però potenziali pericoli se le cose vanno male. È infatti difficile prevedere quanti follicoli si svilupperanno e quanti di questi si fecnderanno. Quasi tutti i casi da prima pagina con gravidanze multiple di alto ordine (3 o più feti) sono conseguenza di cicli IUI andati male e non della fecondazione in vitro (dove quasi mai vengono trasferiti più di due embrioni). La supplementazione antiossidante delle donne sottoposte a cicli IUI non stimolati può essere una valida alternativa alla stimolazione per migliorare la qualità dell’ovocita e quindi le probabilità di successo. In caso di IUI stimolata la supplementazione è altrettanto importante perchè la stimolazione accelera lo sviluppo dei follicoli e può ridurre la qualità dell’ovocita.

FIVET e ICSI

In caso di ovulazione gravemente compromessa, con o senza un problema maschile associato, e in quelli nei quali ripetuti cicli IUI non hanno avuto successo, il medico può decidere di ricorrere a tecniche di fecondazione in vitro come FIVET e ICSI, essendo quest’ultima indispensabile in presenza di un grave fattore maschile. In entrambi i casi la donna sarà sottoposta ad una sovrastimolazione con FSH per sostenere lo sviluppo di un ampio numero di follicoli. A maturazione raggiunta gli ovociti vengono prelevati e fecondati in vitro. Gli embrioni ottenuti saranno coltivati in vitro per alcuni giorni ed il migliore tra quelli sviluppati sarà trasferito in utero. La coltura in vitro dell’embrione per tempi più lunghi, cioè circa 5 giorni, ha il vantaggio di consentire il prelievo di alcune cellule per l’esecuzione di test genetici e cromosomici che potranno guidare la scelta dell’embrione da trasferire.

Le due tecniche, FIVET e ECSI, differiscono solo nella procedura utilizzata per la fecondazione.

Nel caso della FIVET la fecondazione viene ottenuta unendo in provetta un’aliquota di seme con uno o più ovociti. La fecondazione richiederà ancora degli spermatozoi di qualità almeno discreta. Un ovocita con scarso danno ossidativo sarà però in grado di concentrare le attività di riparazione del danno al DNA sui geni maschili e porre rimedio ad un eiaculato di modesta qualità.

Nel caso della ICSI la fecondazione avviene iniettando i cromosomi di uno spermatozoo all’interno della cellula uovo e consente di fecondare anche con spermatozoi che non sarebbero in grado di farlo naturalmente, ad esempio per assenza di motilità. Il problema della qualità spermatica viene minimizzato attraverso tecniche di selezione volte a scremare l’eiaculato per ottenere una frazione arricchita di cellule potenzialmente buone.

Successivamente la scelta finale viene operata al microscopio con criteri morfologici. I risultati in termini di tassi di fertilizzazione sono ottimi e quasi sempre si riesce a generare degli embrioni. Il problema è che le tecniche di selezione degli spermatozoi non sono in grado di distinguere gli spermatozoi in base al danno ossidativo al DNA ed uno spermatozoo di bell’aspetto scelto dalla frazione buona può ancora recare un grave danno ossidativo con potenziale compromissione della vitalità dell’embrione ottenuto. I critici della tecnica ICSI ne parlano come di una fecondazione “forzata” con spermatozoi che la selezione naturale avrebbe certamente fermato. Diventa quindi importante utilizzare degli ovociti a loro volta poco carichi di danni ossidativi per non saturare le capacità di riparo del DNA, con il problema che tali ovociti derivano a loro volta da una sovrastimolazione che può comprometterne la qualità. Pertanto, un supporto antiossidante alla follicologenesi, possibilmente iniziato già 3 mesi prima della stimolayione e prelievo degli ovociti, può essere di grande aiuto.

Sia in caso di FIVET che di ICSI la supplementazione antiossidante può aiutare a ridurre il carico ossidativo dell’ovocita con aumentate probabilità di gravidanza.

Impryl, è il supporto ideale per donne sottoposte a pratiche PMA anche in assenza di specifiche patologie nell’ottica di un supporto pre-concezionale. Le donne con ovaio policistico sottoposte a PMA possono certamente giovarsi di un sostegno al metabolismo. Inoltre, il carico ossidativo può alterare la qualità dell’ovocita, soprattutto in età riproduttiva avanzata, ed è responsabile di aneuploidie dell’ovocita e degli embrioni. Il danno ossidativo è anche collegato a problemi di abortività e patologie della gravidanza.

Procrelia Parthenogen

Quando la gravidanza arriva

L’arrivo di una gravidanza rappresenta per la donna un momento di gioia ma anche di profonda responsabilizzazione per la nuova vita che porta in grembo. Per nove mesi il feto interagirà con il mondo solo attraverso la placenta e sarà quindi passivamente dipendente dai comportamenti della madre. L’adeguamento dello stile di vita e delle abitudini alimentari diventa un imperativo categorico.

L’alimentazione della madre gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo del feto sia perché deve assicurare un adeguato flusso di sostanze ed energia necessarie alla crescita, sia perché veicola alcune sostanze chiave che hanno un ruolo regolatorio sulla differenziazione dei tessuti.

La supplementazione con acido folico nel primo trimestre di gravidanza è stata il primo intervento nutrizionale del quale sia stata riconosciuta una piena efficacia clinica ed è oggi obbligatoria o fortemente consigliata in quasi tutti i paesi del mondo.

Tale supplementazione si è dimostrata capace di prevenire l’insorgenza di difetti del tubo neurale (es. spina bifida, palatoschisi) con un’efficacia di circa il 50%. Studi più recenti hanno dimostrato una simile efficacia nel prevenire l’insorgenza di sindromi autistiche, che sono al momento un vero allarme sanitario.

L’effetto della supplementazione con acido folico si ritiene legato ad una migliorata metilazione del DNA embrionale che a sua volta reca segnali per l’attivazione o repressione di specifici geni. L’acido folico, favorendo il riciclo della omocisteina ed il suo utilizzo per la produzione di gruppi metili utilizzabili, consente una migliore efficienza di tali processi. Inoltre, l’acido folico promuove l’attività delle difese antiossidanti endogene e combatte l’altro aspetto del problema, il danno ossidativo.

Tuttavia, l’acido folico previene solo parzialmente tali sindromi e l’aumento della dose giornaliera (normalmente 400 microgrammi) non produce alcun vantaggio. Questo vuol dire che non tutti i difetti del tubo neurale e autismi derivano dalla carenza di acido folico e/o che la supplementazione con acido folico da sola non è in grado di ripristinare la piena efficienza della metilazione del DNA e delle difese antiossidanti. La logica conseguenza è che una supplementazione più completa, estesa a tutte le vie metaboliche per il riciclo dell’omocisteina, produzione di metili attivi e attivazione delle difese antiossidanti, possa aumentare l’efficacia preventiva. Anche se ad oggi mancano dimostrazioni cliniche di tale effetto (sono necessari studi enormi della durata di diversi anni), tutti i dati in vitro e su animale confermano questa idea.

Impryl, non solo acido folico

Impryl, oltre ai soliti 400 microgrammi di acido folico, contiene appunto tutte le altre sostanze utili a favorire il riciclo dell’omocisteina, la produzione di metili attivi e le difese antiossidanti ed è in sostanza una supplementazione con acido folico “fortificata” al massimo livello oggi possibile. I dati clinici a sostegno dell’effetto preventivo richiederanno molti anni di studio. Nel frattempo il buon senso lascia intuire degli ovvi e ampi vantaggi rispetto ad una semplice copertura con folati.

Uno dei possibili motivi di “resistenza” al supporto con folati è la presenza di un profilo genetico individuale suscettibile al danno. I tests genetici volti all’individuazione di tali varianti genetiche sono indaginosi e costosi. Inoltre, la definizione di un reale profilo di rischio richiederebbe la ricerca contemporanea di diverse possibili varianti e per diversi geni. Impryl è stato formulato per conferire un supporto la cui fruibilità sia il più possibile indipendente dalla presenza delle più importanti varianti genetiche: MTHFR, MTRR, CBS e BHMT. Le donne portatrici di tali difetti dovrebbero sempre assumere una supplementazione che possa compensare tali difetti ed Impryl si candida come adeguato allo scopo. Anche le donne che non conoscono il loro stato genetico possono supplementare la loro gravidanza con Impryl così da porsi al riparo da possibili rischi non noti.

Comments (0)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al trattamento dei dati personali in conformità alle nostre procedure per la tutela della Privacy secondo il GDPR, (General Data Protection Regulation - Regolamento UE 2016/679). Gli utenti sono invitati a prendere visione delle Modalità di trattamento dei dati personali e dei cookies

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi